Qual è la differenza tra Google Keep e Tasks?

Se sei un po' confuso sul motivo per cui Google ha più di un'app da fare, non sei solo. In superficie, Google Keep e Google Tasks hanno esattamente lo stesso scopo.

Qual è la differenza tra Google Keep e Tasks?

Ma se consideri il fatto che Google ha una storia di lancio di due app simili contemporaneamente, inizi a capire che le differenze esistono davvero, solo che sono sottili.

Per evidenziare queste differenze, porremo una serie di domande. Le risposte mostreranno le differenze tra Google Keep e Tasks e ti aiuteranno a decidere quale app si adatta meglio alle tue esigenze.

Preferisci il contorno strutturato o non strutturato?

Prima di approfondire le principali differenze tra Google Keep e Google Task, vediamo cosa hanno in comune. Entrambi i prodotti Google sono progettati per aiutarti a creare elenchi rapidi con attività da fare.

Puoi anche aggiungere attività secondarie in Keep così come Attività. Un'altra somiglianza rilevante, come con ogni prodotto Google, è che sono disponibili su tutte le app e piattaforme Google, inclusi Gmail, Google Docs e Google Drive.

Ma come suggerisce il nome, Google Task è più specificamente orientato alle attività. E quando si tratta di gestione delle attività, è difficile competere con essa. Google Keep è ottimo anche per gli elenchi, ma l'attenzione è più concentrata sulla creazione di note in generale.

E certo, alcune di quelle note saranno attività quotidiane ed elenchi di cose da fare. In sostanza, Google Task è probabilmente una scelta migliore per le persone che hanno bisogno di uno strumento che li aiuti a raggiungere i propri obiettivi, quelli iper-concentrati sul completamento delle proprie liste di controllo.

D'altra parte, Google Keep è lì per farti annotare un'idea o una rima che ti è venuta in mente prima che te ne dimentichi.

la differenza tra Google Keep e Tasks

Il design è importante per te?

Si potrebbe sostenere che il design è importante per tutti. Ma in termini di Google Task e Keep, è qui che vediamo differenze più evidenti. Le attività presentano un approccio piuttosto minimalista al design.

L'interfaccia è facile da navigare e non farai mai fatica a trovare quello che stai cercando. Con Google Keep, ottieni il cosiddetto "formato poster" e puoi organizzare tutte le tue note con etichette speciali, hashtag e persino codificarle a colori.

Le attività non hanno nulla di tutto ciò e l'unico modo per organizzare i tuoi elenchi e le tue attività è per data o se crei un ordine personalizzato.

Nel complesso, si potrebbe dire che Google Keeps è visivamente più accattivante e ha sicuramente più opzioni di personalizzazione. Ma questo è esattamente ciò che alcuni utenti troveranno ridondante. Pertanto, preferiranno le attività.

Qual è la differenza tra Google Keep e Tasks?

Quanto sei specifico per i promemoria?

Qualsiasi app da fare decente deve avere una funzione Promemoria. E fortunatamente, sia le attività di Google che Google Keep lo fanno. Ma potrebbe sorprendere alcuni utenti che tu non possa utilizzare questa funzione allo stesso modo in ogni app.

Google Keep ti consente di impostare un promemoria per l'intero elenco di cose da fare. Tuttavia, se hai bisogno di ricordare solo un elemento dall'elenco, non puoi farlo.

Ma Google Tasks può, e se c'è una cosa che non devi assolutamente dimenticare, puoi solo aggiungere un promemoria. Un'altra differenza è che Google Keep ha promemoria di ora e posizione e Google Task può avere solo promemoria basati sul tempo.

Cosa usi di più: Gmail o Google Docs?

Ecco un confronto interessante che potresti non aspettarti. Puoi utilizzare sia Google Keep che Google Task con Gmail e Documenti, ma puoi comunque riconoscere l'abbinamento più compatibile delle app.

Google Keep funziona molto bene con Google Documenti e consente persino di trascinare e rilasciare senza sforzo le note direttamente nel documento. Allo stesso modo, in Gmail, puoi facilmente trascinare le email nelle attività di Google e farle sincronizzare con Google Calendar.

Elenchi di solo testo o elenchi multimediali?

Se hai due menti su quale app Google da fare per concentrarti, c'è una domanda piuttosto semplice da porsi.

Utilizzerai solo testo o desideri aggiungere immagini, contenuti web, utilizzare la trascrizione ai tuoi appunti? Se quello di cui hai bisogno è scrivere velocemente il testo e poi controllarlo come completo, Google Task fa per te.

Ma se le tue attività e gli elenchi sono più elaborati e richiedono più contenuti, Google Keep sarà probabilmente più adatto.

Differenza tra Google Keep e Tasks

Hai intenzione di condividere i tuoi compiti?

La maggior parte degli strumenti di Google è di progettazione collaborativa. È il caso anche di Google Keep. Rende la condivisione delle note con persone o colleghi rapida e interattiva.

Tutto quello che devi fare è aggiungere un indirizzo email accanto alla tua nota facendo clic sull'icona "Collaboratore" e saranno in grado di leggerlo.

D'altra parte, Google Tasks è la strada da percorrere se vuoi mantenere i tuoi compiti e obiettivi per te stesso, motivo per cui molti utenti lo apprezzano di più.

App Google così simili eppure molto diverse

Si spera che sia un po' più chiaro il motivo per cui Google ha creato app da fare così apparentemente simili. Quello che probabilmente stavano cercando di realizzare è soddisfare i propri utenti con queste differenze.

Se le risposte alle domande precedenti sono in qualche modo contrastanti, la cosa migliore da fare è provare entrambe le app e vedere cosa funziona meglio per te. Le probabilità sono che in pochissimo tempo saprai qual è la scelta giusta.

Quale preferisci: Google Keep o Google Tasks? Fatecelo sapere nella sezione commenti qui sotto.

messaggi recenti