Disco rigido esterno non visualizzato su Windows: cosa fare

I dischi rigidi rimovibili, più comunemente di tipo USB, sono piuttosto intuitivi e utili per l'uso quotidiano del computer. Ma a volte il tuo PC non ne riconosce uno quando lo colleghi.

In questa luce, ti diremo tutto su questo problema e su come risolverlo.

Perché un disco rigido esterno non dovrebbe essere visualizzato in Windows?

Ci possono essere molte ragioni per cui un disco rigido potrebbe non essere visualizzato:

  1. La porta USB del tuo PC è morta o sta morendo.
  2. Hai dei driver mancanti sul tuo dispositivo.
  3. Ci sono problemi di partizione sul tuo disco rigido.
  4. Il disco rigido utilizza un file system errato.
  5. Il PC non fornisce alimentazione.
  6. L'involucro ha perso la connessione.
  7. Il disco rigido stesso è morto.

Scopriamo come diagnosticare e risolvere tutte queste possibili cause per cui l'unità non viene visualizzata sul tuo PC.

Come diagnosticare e risolvere quando il disco rigido non viene visualizzato in Windows

Per ciascuno dei motivi sopra menzionati, ci sono modi per scoprire se questo è il problema esatto.

Prima di ogni altra cosa, controlla e vedi se il disco rigido è acceso adeguatamente. Se ha un adattatore di alimentazione CA, come nel caso di alcune unità più grandi, assicurati che sia collegato e funzionante. In caso contrario, non verrà visualizzato.

Porta USB morta o in fin di vita

Se ritieni che la tua porta USB sia morta o morente, considera una di queste opzioni:

  1. Collega il disco rigido a un'altra porta USB.
  2. Collega il disco rigido esterno a un altro PC.

Se il tuo disco rigido viene visualizzato su un'altra porta, è molto probabile che la porta USB iniziale stia morendo o non accetti l'unità per qualsiasi motivo. A volte ciò può essere causato da versioni USB non corrispondenti (ad esempio, utilizzando una porta USB 2.0).

Se stai cercando di utilizzare un dispositivo diverso per il controllo, considera di utilizzarne uno con un altro sistema operativo. Un Mac (se ne hai uno) potrebbe riconoscere il disco rigido se è formattato per questo, mentre Windows no.

Driver mancanti

Per verificare se il tuo PC ha i driver mancanti, segui questi passaggi:

  1. Apri il menu Start/la barra di ricerca.

  2. Digita "Gestione dispositivi".

  3. Apri l'applicazione che appare come risultato.

  4. Individua il disco rigido che stai tentando di connettere.

  5. Se è nell'elenco, fai clic con il pulsante destro del mouse, quindi seleziona "Aggiorna driver".

  6. Seguire i passaggi sull'installazione del driver.

  7. Quando richiesto, seleziona l'opzione "Cerca automaticamente" e scarica i driver online. Se il tuo disco rigido è stato fornito con un CD dei driver, inseriscilo nel lettore e seleziona l'opzione "Sfoglia il mio computer".

Di solito, i dischi rigidi esterni utilizzeranno i driver preinstallati del PC per impostazione predefinita, quindi questi passaggi sono spesso privi di significato. Tuttavia, a volte può farti risparmiare la fatica di provare prima i passaggi più complicati.

partizionamento

Un problema più complicato si verifica quando il disco rigido non è partizionato o non è configurato correttamente. Per diagnosticare ciò, attenersi alla seguente procedura:

  1. Apri il menu Start/la barra di ricerca.

  2. Digita "Gestione disco", quindi apri l'applicazione che viene visualizzata come risultato.

  3. Dovresti vedere il disco rigido connesso nel menu, spesso sotto le tue unità primarie. Tieni presente che utilizzerai il menu visivo sotto l'elenco delle unità.

  4. Se l'unità è offline, fai clic con il pulsante destro del mouse su di essa e seleziona "Online".
  5. Se l'unità dice "Non allocato" quando la selezioni (sotto una barra nera), dovrai formattarla.

  6. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'unità, quindi selezionare "Nuovo volume semplice".

  7. Il tuo PC partirà e formatterà l'unità per il tuo attuale sistema operativo. Tieni presente che questo rimuoverà tutti i dati presenti sul disco rigido.

  8. Infine, se l'unità è formattata ma non mostra una lettera per il suo percorso (come F:, G: o M: per esempio), fai clic con il pulsante destro del mouse sull'unità e seleziona "Cambia lettere e percorsi dell'unità".

Questo dovrebbe rendere il tuo nuovo disco rigido pronto e utilizzabile su una lavagna pulita.

Formattazione

Se l'unità appare partizionata ma non è ancora possibile accedervi, è molto probabile che utilizzi un file system diverso. Per risolvere il problema, segui questi passaggi:

  1. Apri Gestione disco.

  2. Seleziona l'unità, quindi fai clic con il pulsante destro del mouse e seleziona "Formato".

  3. Per l'opzione di formattazione, scegli FAT32.

  4. Puoi impostare l'etichetta dell'unità di tua scelta e puoi lasciare selezionata l'opzione "Esegui una formattazione rapida" se lo desideri.

La riformattazione del disco rigido cancellerà tutti i dati archiviati, quindi se lo hai utilizzato in precedenza su un Mac o un Linux, utilizza quel dispositivo per eseguire il backup dei file prima di riformattare.

Quale formattazione usare

Hai alcune opzioni. FAT32 è il formato più comune per i dischi rigidi esterni. Viene spesso utilizzato per impostazione predefinita su tutti i dischi acquistati.

Tuttavia, ha alcune limitazioni. FAT32 non può contenere file di dimensioni superiori a 4 GB ed è limitato a 8 TB di spazio su disco. La seconda limitazione è spesso priva di significato poiché la maggior parte dei dischi rigidi esterni non raggiunge comunque quelle dimensioni. Tuttavia, se stai utilizzando file di grandi dimensioni, potresti prendere in considerazione un formato diverso.

NTFS è il formato predefinito per i dischi rigidi interni su Windows. Non ha limitazioni realistiche sulla dimensione del file e del disco. Tuttavia, tieni presente che NTFS è specifico di Windows e che i dispositivi macOS e Linux non scrivono su tali unità formattate. Di solito disporranno delle autorizzazioni di sola lettura dell'unità, che spesso non sono sufficienti per un disco rigido esterno.

Se vuoi che la tua unità sia compatibile con altri sistemi operativi e mantenga le dimensioni dei file aumentate di NTFS, exFAT è il tuo sistema di formattazione. La maggior parte dei dispositivi più recenti sarà compatibile con exFAT, ma alcuni di quelli più vecchi potrebbero non esserlo.

In generale, per l'utente medio FAT32 è la scelta migliore poiché raramente avrai file più grandi dei suoi limiti. Se stai utilizzando più dispositivi Windows per trasferire file molto grandi, NTFS è l'opzione migliore. E se vuoi la compatibilità incrociata (fino a un certo punto), scegli exFAT.

Controlla le Opzioni risparmio energia

Se stai utilizzando un laptop o un altro dispositivo portatile, puoi disabilitare le impostazioni di sospensione USB selettive. Segui questi passi:

  1. Apri il tuo pannello di controllo.

  2. Seleziona Opzioni risparmio energia.

  3. Fai clic su "Impostazioni di alimentazione aggiuntive".

  4. Nel tuo attuale piano di alimentazione, seleziona "Modifica le impostazioni del piano".

  5. Nel menu, fai clic su "Modifica impostazioni avanzate di alimentazione".

  6. Trova l'opzione Impostazioni USB, quindi Impostazioni di sospensione selettiva USB.

  7. Assicurati che l'impostazione sia disabilitata.

Questa opzione è disponibile anche sul tuo PC desktop, ma è improbabile che sia il colpevole poiché il tuo PC avrà molta potenza per questo. Tuttavia, è un'opzione praticabile prima di passare allo scenario peggiore.

Gestione disco che non riconosce l'unità

Se il disco rigido non viene visualizzato in Gestione disco, è possibile che l'involucro abbia perso la connessione all'unità interna.

Puoi rimuovere il disco rigido effettivo dal suo involucro e usarlo in questo modo per verificare eventuali problemi. Puoi acquistare un dock da SATA a USB diverso o collegare il disco rigido direttamente alla scheda madre del PC.

Se funziona, il problema riguarda l'involucro dell'unità e puoi ottenerne uno nuovo o continuare a utilizzare il disco rigido esterno come interno.

Se questo non funziona, tuttavia, probabilmente hai un disco rigido guasto. Non c'è molto che puoi fare al riguardo. Se è in garanzia, puoi contattare il produttore per farlo sostituire (sebbene rimuoverlo dall'involucro di solito avrebbe annullato la garanzia).

Nuvoloso con possibilità di perdita di dati

Se utilizzi molti dischi rigidi esterni, potrebbe essere il momento di passare all'utilizzo del cloud per archiviare alcuni dei dati che porti con te.

Bastano pochi clic per accedere a uno dei tanti servizi cloud su Internet. L'utilizzo del cloud non sarà una soluzione più veloce, poiché la tua velocità ADSL è probabilmente inferiore alla velocità di lettura/scrittura del tuo HDD, ma può essere più sicura. I dischi rigidi possono deteriorarsi nel tempo e la perdita di dati può spesso essere inevitabile.

Salvare i tuoi dati online non è completamente sicuro, ma finché usi una password sicura (e la ricordi) non dovresti preoccupartene.

Servizi come Google Drive e Dropbox possono essere preziosi quando si desidera archiviare e condividere i file necessari per progetti collaborativi. I dischi rigidi esterni non possono eguagliare la loro accessibilità, quindi dovresti assolutamente verificarli.

Il tuo disco rigido, facile da usare

Se hai seguito i passaggi e le istruzioni sopra, dovresti aver corretto il tuo disco rigido e farlo apparire sul tuo PC. I dischi rigidi esterni sono vitali e facili da usare se devi spostare grandi quantità di dati tra dispositivi diversi, quindi devi avere i migliori dischi rigidi disponibili.

Quale di queste soluzioni ha funzionato per te? Quale disco rigido esterno è il tuo preferito? Fatecelo sapere nel commento qui sotto e buona giornata.

messaggi recenti