Cosa significa velocità della RAM?

Il prossimo problema da considerare è la velocità. Le velocità della RAM possono essere piuttosto confuse, in quanto possono essere espresse in diversi modi. A partire dai moduli DDR più vecchi, i modelli di base funzionano a una frequenza interna di 100 MHz, mentre i moduli più avanzati aumentano la velocità di clock interna a 133 MHz, 166 MHz e fino a 200 MHz.

Potrebbe sembrare logico riferirsi a questi diversi moduli per le loro velocità interne ma, grazie alla doppia velocità dati che dà il nome a DDR, un modulo da 100MHz può effettuare un massimo teorico di 200 milioni di trasferimenti al secondo, mentre il modulo da 200MHz può trasportare fuori 400 milioni di trasferimenti al secondo. Per questo motivo, il DDR a 100 MHz è noto come DDR-200, i moduli a 133 MHz sono etichettati come DDR-266 e così via.

Questo è un sistema abbastanza ovvio, ma i trasferimenti di RAM non sono unità molto convenienti con cui lavorare. È molto più comune parlare di dati in termini di byte. Quindi, per rendere più facilmente comprensibili le velocità DIMM, viene anche assegnata una "valutazione PC", che esprime la loro larghezza di banda in megabyte al secondo.

Le valutazioni dei PC possono essere calcolate in modo molto semplice. Ogni trasferimento di RAM è costituito da una parola a 64 bit o otto byte. Quindi, per convertire i trasferimenti al secondo in byte al secondo, devi semplicemente moltiplicare per otto. DDR-200 è quindi equivalente a PC-1600.

DDR2 utilizza quasi le stesse convenzioni di denominazione, ma i chip comunicano con la CPU a una velocità doppia rispetto a DDR. La DDR2 più lenta è quindi in grado di 400 milioni di trasferimenti al secondo ed è denominata DDR2-400 o PC2-3200. Come ci si aspetterebbe, DDR2 arriva fino a DDR2-800, noto anche come PC2-6400, e sopra questo c'è una parte di fascia alta, basata su chip a 266 MHz, per dare DDR2-1066. La sua valutazione del PC è arrotondata a PC2-8500 per comodità: la sua larghezza di banda di picco è più simile a 8.533 MB/sec.

DDR3 estende questo processo, eseguendo il bus I/O a quattro volte la velocità di DDR, quindi la parte di base può gestire 800 milioni di trasferimenti al secondo, guadagnandosi le etichette DDR3-800 e PC3-6400, con chip più veloci chiamati di conseguenza.

Le velocità RAM standard massime approvate da JEDEC, l'ente dietro i tre standard DDR, sono DDR-400, DDR2-1066 e DDR3-1600. Potresti anche sentire parlare di moduli con velocità nominali più elevate, come DDR2-1250 e DDR3-2000, progettati per funzionare a velocità di overclock nelle schede madri degli appassionati.

Successivo: Quali sono i vantaggi dell'acquisto di velocità extra?

Torna a “Memoria messa a nudo”

messaggi recenti