Il file system di Ubuntu

Una volta che inizi a lavorare in Ubuntu, vorrai sapere dove salvare i tuoi file. Ubuntu ti offre una home directory personale, con sottodirectory già impostate per Documenti, Musica, Immagini, Video e Download. C'è anche una cartella pubblica: i file archiviati qui saranno disponibili per chiunque acceda al tuo PC.

Il file system di Ubuntu

Unità e dispositivi

Ubuntu può leggere e scrivere dischi e partizioni che utilizzano i familiari formati FAT32 e NTFS, ma per impostazione predefinita utilizza un formato più avanzato chiamato Ext4. Questo formato ha meno probabilità di perdere dati in caso di arresto anomalo e può supportare dischi o file di grandi dimensioni. Il rovescio della medaglia è che Windows non può leggerlo, qualcosa di cui essere consapevoli se si desidera condividere file su un PC dual-boot.

Un'altra differenza è il modo in cui è organizzato il file system. In Windows, ogni unità del sistema ha la propria gerarchia di directory, quindi, ad esempio, una cartella su un'unità flash USB potrebbe essere indirizzata come "E:FilesTest file.doc".

In Ubuntu esiste un'unica directory radice per l'intero sistema, denominata semplicemente "/" (una barra "normale", non una barra rovesciata come usata da Windows), e tutti i dischi e i dispositivi vengono visualizzati all'interno di questa gerarchia. Puoi vedere come funziona aprendo Ubuntu File Manager e facendo clic su File System per visualizzare la directory principale.

Vedrai una cartella chiamata /media, e se hai installato Ubuntu insieme a un'installazione di Windows, ci sarà un collegamento all'interno di questa cartella alla tua partizione Windows (i tuoi file sono in /host se hai installato Ubuntu sullo stesso partizione come Windows, utilizzando il programma di installazione di Wubi). Collega un'unità flash USB e anche quella apparirà qui.

Ci sono molte altre directory di primo livello oltre a /media, ma a meno che non si approfondisca l'amministrazione di sistema avanzata, vale la pena conoscerne solo alcune. (Anche così, la maggior parte degli utenti principianti di Ubuntu probabilmente non si avventurerà da nessuna parte vicino a loro.)

La directory /etc contiene le impostazioni specifiche dell'hardware, dove troverai i file di configurazione per cose come schede grafiche e stampanti. /usr è dove vanno la maggior parte delle app e delle librerie quando le installi e /home contiene le cartelle home di tutti gli utenti del sistema.

Cartelle virtuali

Come dimostrano i contenuti della directory /media, una directory in Ubuntu potrebbe non essere una directory "reale": potrebbe essere un collegamento a un dispositivo diverso oa una posizione diversa sullo stesso disco.

Questo approccio richiede un po' di tempo per abituarsi, ma aggiunge un livello di flessibilità. Nelle scuole e nelle aziende che eseguono sistemi di tipo Unix, ad esempio, è comune che /home non sia una directory normale ma un collegamento a un disco diverso o persino una posizione di rete remota. Ciò semplifica il backup dei dati degli utenti o lo spostamento su un PC diverso, indipendentemente dal resto del sistema operativo. (Questo tipo di cartella virtuale è chiamato "punto di montaggio".)

Se vuoi riorganizzare le tue directory, troverai le istruzioni complete nella documentazione online di Ubuntu. Attenzione, però, dovrai usare il Terminale e ci sono alcuni problemi tecnici coinvolti.

Un'altra cosa da notare è che in Ubuntu, i nomi dei file e i percorsi fanno distinzione tra maiuscole e minuscole, quindi una cartella chiamata "dati" non è la stessa di una chiamata "Dati". Ricordalo, o ti farà inciampare!

Autorizzazioni file

Un'ultima importante differenza tra i file system Windows e Ubuntu riguarda i permessi dei file. In Windows, puoi accedere a quasi tutti i file o cartelle sul tuo sistema, anche se ci sono alcune circostanze in cui potresti dover assumere la proprietà di un file di sistema.

Ubuntu è più rigoroso. I file di sistema e di configurazione sono di proprietà di un account amministratore chiamato "root" e quando accedi con il tuo nome, hai solo un accesso limitato alle cose al di fuori della tua home directory. È normale ed è per la tua sicurezza: ti rende quasi impossibile rovinare accidentalmente il tuo sistema.

Queste restrizioni si applicano anche ai programmi eseguiti con quell'account, il che rende Ubuntu resistente ai trojan e ad altri tipi di malware.

Se hai bisogno di modificare i file di sistema, puoi farlo utilizzando un comando Terminale chiamato "sudo", che ti promuove temporaneamente a "superutente". Troverai tutto ciò che devi sapere sui permessi dei file e sul comando sudo nella documentazione online.

Guida completa a Ubuntu:

Come installare Ubuntu

Installazione di Ubuntu da una memory stick USB

Iniziare con Ubuntu: l'essenziale

Come installare software su Ubuntu

10 app Ubuntu essenziali

Come eseguire app Windows su Ubuntu

Il file system di Ubuntu

Fare clic qui per tornare alla pagina principale delle funzionalità.

messaggi recenti