Data di rilascio e notizie di Google Allo nel Regno Unito: Google inizia il lancio dell'app di chat AI

Aggiornamento: Google Allo ora sembra essere disponibile su iOS, con l'opzione di pre-registrazione ancora attiva sul Google Play Store.

Data di rilascio e notizie di Google Allo nel Regno Unito: Google inizia il lancio dell'app di chat AI

Google ha lanciato la sua nuova app di messaggistica, Google Allo, per Android e iOS. Il lancio è iniziato oggi, anche se potrebbe volerci un giorno prima che arrivi nel Regno Unito.

Presentato come la risposta di Google a WhatsApp e Facebook Messenger, Google Allo combina la chat con adesivi e scarabocchi di foto in stile Snapchat. Ciò che lo distingue, tuttavia, è l'uso da parte dell'app di una potente intelligenza artificiale, soprannominata Assistente Google.

La società spiega che l'intelligenza artificiale integrata in questa versione di Allo è una "anteprima" di ciò che verrà, quindi aspettati che la sua portata si espanda in ulteriori iterazioni. Per ora, puoi chattare direttamente con l'Assistente Google o chiamarlo digitando @google. Una volta che hai attirato la sua attenzione, puoi porre domande di ricerca, aggiornare le informazioni del calendario, tradurre testo, trovare attività commerciali, cercare il meteo e un sacco di altre attività.

Ma l'IA va oltre la Ricerca Google. Per ogni risposta che darà, suggerirà altre domande. Ciò rende l'interazione più simile a una conversazione a due vie e meno come se stessi abbaiando ordini di ricerca a una macchina. Finora questo servizio è disponibile solo in inglese, con altre lingue in arrivo.

Di seguito sono riportate ulteriori informazioni sulle varie funzionalità di Google Allo. Al momento in cui scriviamo, l'app non è apparsa né su Google Play né sull'App Store del Regno Unito, ma Google ha affermato che sarà disponibile in tutto il mondo nei prossimi giorni. Ti aggiorneremo con ulteriori informazioni quando verranno visualizzate.

Google Allo: tutto ciò che devi sapere

Sai di cosa ha più bisogno il mondo? App di messaggistica. Sto scherzando, ovviamente. Al ritmo che stiamo andando, presto avremo più app di messaggistica che messaggi effettivi. Google Allo è l'ultimo arrivato tra la folla, con l'obiettivo di essere un hub di comunicazione all-in-one per le tue esigenze di chat digitale.

Perché dovrebbe interessarti? Bene, Google Allo dovrebbe vantare un apprendimento automatico integrato, che consente all'app di apprendere nel tempo e suggerire risposte personalizzate a testi e foto. Sinistro. Ha anche un assistente virtuale, una modalità di navigazione in incognito crittografata e un sacco di adesivi creati dall'artista.

Google Allo: data di uscita

Il 21 settembre, Google ha avviato il lancio mondiale di Google Allo. La società non ha fornito un'indicazione esatta di quando la sua app di chat raggiungerà il Regno Unito, ma questo dovrebbe essere un giorno al massimo. Se possiedi un telefono Android, puoi preregistrarti all'app sul Google Play Store .

Google Allo: informazioni chiave

  • La risposta di Google a WhatsApp e Facebook Messenger.
  • L'apprendimento automatico aiuta Allo a suggerire risposte a testo e immagini.
  • Gli utenti dovranno registrarsi con un numero di telefono e possono collegare l'app al proprio account Google.

Google Allo: risposte intelligenti e Assistente Google

Quando Google Allo è stato annunciato alla conferenza Google I/O di quest'anno, la caratteristica principale propagandata era il suo utilizzo dell'apprendimento automatico. Mentre parli con i tuoi amici, Allo offrirà risposte basate su ciò che ha appreso dalle tue conversazioni precedenti. L'idea è che, più usi l'app, più Allo sarà in grado di prevedere le risposte che potresti dare ai messaggi.

Dove diventa davvero impressionante / inquietante è nella capacità dell'app di fare la stessa cosa per le fotografie. Se il tuo amico ti invia una foto di, ad esempio, un piatto di pasta alle vongole, Allo sarà apparentemente in grado di sfruttare le capacità di visione artificiale di Google per analizzare il contenuto dell'immagine e suggerire risposte di conseguenza. “Yum! Vongole!" per esempio, o "Spero che ti goda il tuo sostentamento umano, prossimo".

Google Allo gif.gif

A seconda della tua prospettiva, questo sarà un modo utile per accelerare le conversazioni o uno sguardo inquietante sulla capacità di Google di analizzare le immagini e imitare le reazioni umane, annunciando un mondo in cui le IA parlano tra loro all'infinito della pasta alle vongole.

Google Allo presenterà anche un assistente AI integrato chiamato Google Assistant. Un aggiornamento di Google Now che è essenzialmente presentato come la risposta dell'azienda a Siri di Apple e Cortana di Microsoft, Google Assistant vivrà all'interno dell'app, offrendo in modo proattivo informazioni nella finestra di conversazione. Se stai parlando con il tuo amico, ad esempio, di pasta alle vongole, l'Assistente Google potrebbe offrirti suggerimenti di ristoranti italiani locali. Puoi toccare i suggerimenti per visualizzare le opzioni per contattare il ristorante, vedere le recensioni o trovarlo sulla mappa.

Potrai anche richiamare l'Assistente Google digitando "@google" in Allo, quindi chattare con esso proprio come faresti con Siri o Cortana.

Google Allo: adesivi e urla

Come Facebook Messenger, Google Allo consentirà agli utenti di inviare adesivi. Questi saranno apparentemente provenienti da una varietà di artisti e illustratori globali. Gli emoji saranno presenti e corretti, ovviamente, e Allo ha anche una modalità che consente agli utenti di modificare la dimensione dei loro messaggi. Denominato Whisper and Shout, tenendo premuto il pulsante Post verrà visualizzata una barra che ti consente di modificare la grandezza delle tue parole.

Allo ha anche una modalità Ink, che consente agli utenti di scarabocchiare messaggi o immagini sulle foto. Niente di particolarmente innovativo, sebbene dimostri che Google vuole offrire un set di strumenti flessibile e giocoso per il modo in cui comunichi utilizzando l'app.

google_allo_3

Google Allo: crittografia e sicurezza

Come Google Chrome, Google Allo è dotato di una modalità di navigazione in incognito. In questa modalità, tutti i tuoi messaggi avranno la crittografia end-to-end abilitata con chiavi di identità univoche per ogni partecipante alla conversazione. In questa modalità, le notifiche non ti mostreranno le anteprime delle conversazioni e i messaggi avranno una scadenza nello stile di Snapchat.

Dove questo diventa controverso è nella decisione di Google di non abilitare la crittografia end-to-end per impostazione predefinita. Ciò ha portato a critiche schiaccianti da parte di diversi personaggi pubblici, tra cui Edward Snowden.

Al di fuori della modalità di navigazione in incognito dell'app, tutti i messaggi sono archiviati sui server di Google, apparentemente a tempo indeterminato. Ciò significa che tutte le interazioni che hai con l'Assistente Google verranno archiviate dall'azienda, potenzialmente utilizzate in un secondo momento per la pubblicità mirata. Significa anche che tutte le tue conversazioni saranno facilmente disponibili per le forze dell'ordine con mandati, il che non è il caso di WhatsApp.

"Gratuito per il download oggi: Google Mail, Google Maps e Google Surveillance", ha scritto Snowden oggi su Twitter. “Questo è #Allo. Non usare Allo."

Google Allo: lavorare insieme a Google Duo

Accanto all'annuncio di Google Allo all'I/O c'è stata la rivelazione di Google Duo. Se Allo è la risposta di Google a WhatsApp, Duo è la risposta dell'azienda a FaceTime di Apple. Puoi leggere tutto su Google Duo qui.

messaggi recenti